Truffa della donazione di cryptomonete

Truffa della donazione di cryptomonete

Li hai sicuramente visti: i post su YouTube e Twitter di Elon Musk, del presidente Donald Trump e del CEO di Ripple Brad Garlinghouse che promettono criptovaluta gratuita. Questi post includono immagini del marchio e del profilo che assomigliano esattamente alle immagini utilizzate dall’azienda o dall’individuo.

Questi post sono truffe. Sfruttano account di social media di alto profilo per indurre i follower ad arricchire i truffatori a proprie spese. In un momento in cui la disinformazione è prevalente, è importante essere consapevoli di ciò che è reale e di ciò che non lo è.

“Giveaway scam” è un termine che descrive i tentativi di convincere gli utenti che se inviano cryptomonete, ne riceveranno di più in cambio, in genere tramite un “airdrop” (distribuzione gratuita di monete). Queste truffe impersonano aziende e individui e sono spesso diffuse attraverso falsi profili di social media su YouTube, Twitter, Facebook e altro ancora.

Come riconoscere le truffe?

In molti casi, il primo avvertimento che un annuncio giveaway (donazione) è una truffa è che per ricevere il premio, devi prima inviare cryptovaluta o denaro e/o fornire le informazioni del tuo conto finanziario personale. Per qualsiasi donazione che sia reale, le cryptomonete omaggio sono sempre gratuite e non ti verranno mai richiesti denaro o informazioni sul conto finanziario in anticipo.

Purtroppo le imitazioni sono difficili da individuare, perché spesso i truffatori creano un senso di legittimità utilizzando loghi, nomi utente, immagini del profilo e grafica che corrispondono a immagini aziendali reali. Se una donazione sembra reale, ti suggeriamo di visitare prima il sito Web principale dell’azienda e i canali social verificati per confermare se l’annuncio è facilmente visualizzabile. Se un annuncio è reale, molto probabilmente le donazioni sono presenti anche nelle pagine principali dei siti aziendali legittimi. Inoltre, puoi contattare direttamente l’azienda e chiedere informazioni.

Inoltre, i truffatori sfrutteranno account legittimi per falsificare un senso di prova commentando i post sui social con account falsi. Alcuni segnali visivi rapidi che un account che commenta è una truffa sono la mancanza di un’immagine del profilo, nomi di account strani o entusiasmo eccessivo nel ringraziare per la donazione.

acchiappatruffe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *